Il mito di Diana e Atteone


dsc_2778

T. Giaquinto, Diana e Atteone

Autore : TOMMASO GIAQUINTO

Data di realizzazione: 1710

Nell’ampio salone ubicato al primo piano del Palazzo Ducale trionfa un affresco di Tommaso Giaquinto rappresentante il mito di Diana e Atteone. Il pannello è oggi isolato entro un complesso di pitture modeste, unico superstite di un ciclo pittorico che doveva interessare l’intera costruzione. La scena è un’armonia di ritmo, forme e colori: Diana, sorpresa a bagnarsi con le ninfe nella fonte Partenia, colpisce con uno spruzzo d’acqua Atteone e lo trasforma in cervo. E’ la rappresentazione di una favola pastorale, caratterizzata da una pittura dall’impasto fluente, i cui contrasti di tono più graduati danno piena saldezza ai nudi risaltanti nell’amplio paesaggio illuminato da una luce meridiana.

Tommaso Giaquinto “ritrovato” – Un itinerario pittorico in Valle Caudina, Electa Napoli, 1993